Blog

Sui siti internet, cliccatissimi, impazza la moda degli inviti alla magrezza, degli incitamenti ad andare sempre oltre sfidando anche la morte. Nel circuito web l’anoressia non è più una patologia reale da debellare ma si trasforma in un gioco virtuale perverso, in una serrata competizione tra chi mostra le braccia o le gambe più magre, il viso più emaciato, il corpo più scheletrico ed affamato. Così un problema serio e grave è ridotto a competizione che può essere mortale. Ciascuna infatti posta selfie all’interno di una foto gallery cibernetica in cui ciascuno mostra i propri “traguardi” ricercando riconoscimenti positivi, sostegno e...

Il "body shaming" è una forma di bullismo verbale che colpisce l'aspetto fisico delle persone infatti consiste nel fare commenti ed esprimere giudizi malevoli circa le forme del corpo delle persone, soprattutto attraverso il web ed i social network. Esistono molti tipi di "body shaming", tra cui il "fat shaming", che prende in giudizio le persone con qualche chilo di troppo o che hanno vere malattie (es. l’obesita`) o il "thin shaming" che riguarda le persone considerate troppo magre o con veri e propri disturbi alimentari. E’ considerato "body shaming", qualsiasi tipo di commento, o insulto proferito con lo scopo di fare provare vergogna...

La struttura di personalità è l’insieme delle caratteristiche psicologiche personali, profonde e stabili, in gran parte inconsapevoli, di una persona che si esprimono in ogni aspetto della propria vita psichica e comportamentale rendendola prevedibile nella vita quotidiana. Tale struttura si compone di una parte plastica e modificabile, in continua interazione con l’ambiente esterno che la influenza per renderla aderente ed adeguata alle situazioni contingenti ed un’altra fissa, rigida, duratura e stabile che comprende la struttura biologica e gli apprendimenti saldamente acquisiti e permanenti. La personalità individuale è un’organizzazione di modi di essere, conoscenze ed azioni (sentimenti, pensieri, comportamenti), caratterizzata da...

Se la sindrome di Peter Pan indica gli uomini incapaci di diventare adulti, quella delle Principesse Pan (denominata dalla giornalista americana Tracy Mc Millan con l'acronimo PP) è un’etichetta che definisce le donne che non vogliono crescere, che si rifiutano di invecchiare ma scelgono di restare eternamente ragazzine. E’ l'ultima "tendenza" di molte star che ne incarnano l’esempio: provocatrici 'femme fatale', benestanti, alla moda, look perfetto, silhouette da top model, età incalcolabile, simboli di bellezza ultraterrena impeccabile che fanno strage di cuori. Le “principesse” vivono la vita con grande vivacità per sentirsi sempre giovani, attente a non dimostrare mai la propria età anagrafica, a nascondere le rughe...

I bambini sono sempre più precoci, svegli, intelligenti. Sottoposti ad una moltitudine di esperienze, messaggi, richiami, informazioni. Essere avanti, esibire competenze, prestazioni e conoscenze avanzate, interessarsi di questioni complesse, essere al passo con i tempi, somigliare presto ad un piccolo adulto, sono aspetti di cui i genitori sono orgogliosi e che il bimbo spesso segue adattandosi: tuttavia egli può imparare più di quanto sia in grado di comprendere ed elaborare a livello emotivo poiché la maturità cognitiva differisce da quella emotiva. La mancanza della possibilità di esprimersi, di muoversi secondo modalità non programmate ma spontanee e naturali può avere inoltre effetti...

Andare a scuola, apprendere, studiare, fare i compiti possono essere situazioni gravose per alcuni bambini ed adolescenti. L’attività scolastica comporta un vasto ventaglio di richieste rivolte allo studente come rispettare le regole, stare in un gruppo, sviluppare nuove competenze, darsi obiettivi da centrare, rispettare scadenze, sottoporsi a momenti di valutazione, rischiare situazioni di insuccesso e fallimento. La conoscenza implica l’accettazione del cambiamento, l’apertura al nuovo, la tolleranza della precarietà ed anche lo sperimentare un senso di inadeguatezza. La scuola poi richiede pure prestazioni, autonomia, scelte. Davanti a tale complessità e molteplicità di richieste può accadere che i ragazzi lascino emergere le loro fragilità con...

La struttura della personalità è l’insieme delle caratteristiche psicologiche personali, profonde e stabili, in gran parte inconsapevoli, di una persona che si esprimono in ogni aspetto della propria vita psichica e comportamentale rendendola prevedibile nella vita quotidiana. Tale struttura inoltre rende ciascun individuo unico ed irripetibile. La struttura di personalità si compone di due parti: una plastica e modificabile, in continua interazione con l’ambiente esterno che la influenza per renderla aderente ed adeguata alle situazioni contingenti ed un’altra fissa, rigida, duratura e stabile che comprende la struttura biologica e gli apprendimenti saldamente acquisiti e permanenti. Secondo Hans Eysenck (H.J. Eysenck, “Biological dimensions...

Sempre più si sente dire che le vecchie distinzioni di natura sessuale come "etero" "omo" o "bisex" sarebbero superate. E' realistico questo?  Le nuove icone VIP, spesso popolari soprattutto per la loro capacità di stupire e scandalizzare, alternano con disinvoltura frequentazioni amorose sia maschili che femminili esponendo pubblicamente la loro apertura e promiscuità sessuale. Parte delle nuove generazioni non desiderano etichette sessuali perché non si definiscono più nettamente etero o gay poichè gli orientamenti di coppia stanno variando, si allargano le opzioni di scelta mentre diminuiscono le restrizioni repressive. Si stanno creando neo-classificazioni identitarie come pan-sessualità o poli-sessualità (che evidenziano come i giovani attuali...