Blog

Un tempo i personaggi famosi cercavano di conservare la propria privacy, tendevano alla discrezione difendendo il loro spazio personale, preservando la loro intimità dalla pubblicità e dalla curiosità indiscreta del pubblico. Le star di un tempo si tenevano celate, conducevano una vita appartata, confidavano sul potere del vago e dell’indefinito dispensando poche apparizioni fugaci che permetteva loro di ammantarsi di un velo di mistero. Esse cercavano di mantenere scisso il ruolo di “Divo” dalla loro essenza fuori dallo schermo non fornendo informazioni sensibili, mostrandosi ma con parsimonia. Si concedevano centellinandosi come si fa con le cose pregiate. (“Divismo cinematografico”, Cristina...

Mentre sembra crescere la sensibilità verso l’individuo e l’attenzione per la tutela della sua privacy, in controtendenza aumentano a dismisura le possibilità di ledere la stessa. Negli ultimi anni la vita di ogni persona può uscire dall’anonimato mettendosi in mostra in rete per regalare un momento di notorietà, un lampo di fama a tempo determinato, illusorio, infondato ma attraente. Questo “gioco” porta all’estinzione della dimensione del privato, abolisce il privilegio dell’esclusività, condanna la sfera intimistica del “solo per sé”, dell’unicità, del riserbo discreto per i propri dati sensibili. Ora si dà prova della propria esistenza iscrivendosi almeno ad un social network,...

Il Cambiamento è il nocciolo centrale di ogni lavoro terapeutico (cfr. “Psicoterapia e Cambiamento” - Physis Institute). Bob e Mary Goulding, padri fondatori della redecision-therapy (Terapia Ridecisionale), nel loro libro “Il cambiamento di vita attraverso la terapia ridecisionale” (Astrolabio Editore, 1983) presentano una loro visione di come, nel corso delle interazioni che si sviluppano e susseguono fra genitori e figli, passino dei messaggi (chiamati Ingiunzioni) che, se positivi, sono in grado di stimolare la fiducia in sè stessi e l’autostima, se invece negativi, incidono limitando e ponendo le premesse per delle eventuali difficoltà relazionali o per la costruzione di copioni esistenziali limitanti ed infelici.   In base...

Uno degli argomenti più "attrattivi" per il grande pubblico è se un soggetto che commette un crimine, sia o non sia pienamente responsabile delle sue azioni. Sconfinando nel romanzesco, in uno dei celebri libri di Simenon dedicati al commissario Maigret si dice che sovente non sono più i giudici a giudicare, bensì gli psicologi e gli psichiatri. Certamente lo psicologo/psichiatra viene visto come colui che può dire una parola conclusiva in merito allo stato mentale di una persona che delinque, non di rado alleggerendo così le responsabilità sia del giudicato che del giudicante. Ma sarebbe troppo semplicistico limitarsi a questo, dato che -eccetto pochi casi-...

Con l'avvicinarsi della Primavera e delle Elezioni "fioriscono" volti sempre nuovi e accattivanti di neo-candidati al nostro Governo. Fa riflettere come l'immagine sia diventata (sovente) preponderante rispetto ai contenuti e ai programmi di tali persone. Fino a non molti decenni addietro era l'esatto opposto: il politico poteva permettersi di apparire brutto purché competente. Vere e proprie selezioni venivano effettuate dalle Segreterie di partito, con il risultato che i politici potevano anche non essere particolarmente simpatici ma non si potevano definire ignoranti (come talvolta oggi purtroppo accade). C'è chi anzi teorizza che l'ignoranza dell'uomo comune sia una garanzia, nell'errata convinzione che i "semplici"...

Nel periodo infantile i bambini richiedono un costante accudimento e per questo sono uniti alla madre da un rapporto simbiotico ed esclusivo che li rende un tutt'uno. Anche se ormai fisicamente distinti, il binomio madre-figlio perdura, come se i due fossero ancora avvolti da una unica pelle psichica, mentre il padre resta una figura sullo sfondo. Tuttavia con il tempo il papà diventa necessario per spezzare tale legame permettendo al figlio di staccarsi dal grembo materno ed incominciare a scoprire il mondo. La figlia infatti cerca lo sguardo di approvazione del padre che ha il compito di aiutare la figlia...

Il padre è parte della propria figlia dal momento del concepimento in poi, vive dentro di lei: il loro rapporto è parallelo allo sviluppo dell’identità e della maturazione della figlia. La figura paterna ha un ruolo fondamentale nella crescita dei figli e, in particolare, delle femmine perché la sua presenza dà l'<imprinting> ai futuri rapporti della figlia con tutti gli altri uomini che incontrerà. Tutti gli uomini con cui la ragazza intratterrà un rapporto, riattiveranno le tracce di questo antico legame. Il padre assolve alla funzione psichica di agevolare e permette l’adeguamento alle norme, guida il confronto con la realtà e trasforma...

........Quando il Dolore sostituisce la Sofferenza L’autolesionismo è il causare in modo consapevole, intenzionale e ripetitivo un danno al proprio corpo (tagli, bruciature, lividi, escoriazioni, ecc), non per uccidersi ma per trovare un temporaneo sollievo da una sofferenza emotiva travolgente, fatta di rabbia, tristezza, solitudine, svalutazione di sé. Il dolore fisico sostituisce così quelle emozioni troppo intense da tollerare, nasconde una sofferenza emotiva che la persona non è in grado di verbalizzare perché non trova le parole adeguate per descriverla, o non sa esprimere in modo costruttivo senza sentirsene sopraffatto. Il corpo allora si trasforma in supporto su cui tracciare i...